Come fare soldi giocando ai videogiochi

Share:
Metti mi piace alla nostra pagina!



Il mercato nero sembra non avere confini: si può scegliere tra droga, armi, sesso, morte, tratta degli organi, e fondamentalmente tutto ciò che si trova in un film di George Romero o sul quaderno degli schizzi di quel pazzo del liceo che faceva tutorial sull’uso della katana.

Tra le attività emerse negli ultimi anni c’è anche il gold farming, legato alla vendita di oro virtuale dai videogiochi in cambio di vero denaro. Da un po’, infatti, i giocatori che non hanno voglia di passare ore a guadagnarsi in modo legittimo i crediti necessari ad accedere al livello successivo e per comprare armature e balestre possono tranquillamente richiederli a persone che lavorano per ottenerlo. Perché combinare la pigrizia e i soldi è molto più conveniente che passare tutto il giorno in una stanza buia a cliccare incessantemente mentre la pelle si fa sempre più pallida e ti dimentichi com’è interagire con dei veri esseri umani.

In Cina i detenuti vengono messi a lavorare su giochi tipo World of Warcraft e Diablo, la Romania ospita una fiorente industria di farmer professionistie quelli freelance vendono le loro riserve attraverso siti come USFINE e Sythe. Per quanto tutto ciò non sia probabilmente quello in cui speravano gli sviluppatori del gioco, è un’attività piuttosto innocua e non guasta l’esperienza di tutti quelli che preferiscono procedere autonomamente nell’avventura virtuale.

Eppure ci sono aziende che scatenano appositamente migliaia di bot per generare profitti online. Questi bot fanno guadagnare all’industria all’incirca 500 milioni di dollariogni anno, ma hanno anche scatenato l’ira di tanti comuni giocatori.

Ho contattato un farmer americano, il diciassettenne Josh Miroslav, che mi ha detto di guadagnare 10.000 dollari al mese “giocando” a RuneScape.

.


Josh Miroslav.

VICE: Allora Josh, hai davvero guadagnato 10.000 dollari con Runescape?
Josh Miroslav: Sì, ma quello è stato solo nelle ultime tre settimane. Lo faccio da tempo, e solo di recente ho dovuto cominciare a venderlo anche su Sythe. Il gioco sta morendo, e devo trovare altri acquirenti.

Perché Runescape sta morendo?
L’intero gioco è stato completamente stravolto quando sono arrivati i bot. Direi che anche gli aggiornamenti hanno fatto un sacco di danni, ma alla fine il vero problema è il gold farming—sia quelli che cercano crediti che quelli che li comprano.

Nel giorno che hai guadagnato di più quanto hai fatto?
Be’, considerato il rischio di essere sospeso, cerchi di vendere la maggior quantità di crediti nel minor tempo possibile, e tutto in una volta. Un paio di volte in un giorno sono riuscito a fare più di 5.000 dollari in transazioni. Detto questo, la somma che ho venduto quelle volte sarà stata il risultato di due o tre settimane di raccolta.

Quanti profili ti hanno sospeso?
Molti. Non ne ho idea, davvero. In un giorno la Jagex è riuscita a eliminare ogni singolo profilo che io abbia mai toccato, ed erano molti all’epoca. Direi che almeno 50 sono stati bloccati definitivamente, e molti altri risultano sospesi.

Giochi ancora a Runescape per divertirti, o è solo una questione di soldi?
Adoravo giocarci—potrei quasi definirlo l’unico gioco a cui abbia mai giocato. Triste a dirsi, più sono entrato nel gold farming, più ha iniziato a somigliare a un lavoro, e lentamente ho perso il piacere di giocarci.

Capisco, ma immagino che i soldi in qualche modo compensino la cosa. Vendi ai giocatori? O solo a gente che lavora per i siti di raccolta?
No, non ai giocatori. Vendo ai siti, solitamente gestiti dai cinesi.

Tipo USfine?
Sì, è USfine tra quelli. Ci sono delle specie di mediatori che prendono i tuoi crediti per poi distribuirli tra i siti che li rivendono, a seconda di quanti gliene servono. Questo lo rende molto conveniente per i grossi venditori di GP [gold piece], perché praticamente non devono fare nessuno sforzo.

.

.

Un breve documentario sul fenomeno in Cina.

Essendo tu interno all’ambiente, cosa ne pensi? Credi che stia rovinando i videogiochi?
Credo sia una scena che corrompe davvero chi ne fa parte. Prima che la Jagex facesse gli aggiornamenti che permettono alla gente di trasformare l’oro virtuale in vero denaro, mi vedevo come una persona che non aveva mai fatto del male a nessuno. Poi è cambiato tutto. L’atmosfera del farming, visto il completo anonimato e l’assenza di qualunque genere di regolamentazione, ha avuto un’influenza molto forte su di me. Sono passato dall’essere uno che non ha mai badato molto ai soldi, un “bravo ragazzo” per definizione, a una persona completamente corrotta da quest’idea di accumulare crediti per venderli.

Wow. Scusa la domanda diretta, non immaginavo ti avesse toccato così profondamente.
Già, mi ha spinto a entrare in cose tipo mass hacking e affari “poco etici”—in pratica, qualsiasi metodo ti permetta di raccogliere la maggior quantità di crediti. Me ne pento, e per questa ragione non sono mai stato orgoglioso dei soldi che ho guadagnato. Si tratta di approfittarsi delle persone, in un modo o nell’altro. La gente pensa che sia un lavoro fantastico: farsi pagare per giocare con dei videogiochi! In realtà non è affatto così. O stai rubando soldi a chi gioca in maniera legittima o gestisci enormi impianti di bot, che rovinano completamente il gioco. Alla fine è solo una maniera per fare più soldi, il tutto con mezzi illegittimi.

Sembra che tu l’abbia presa piuttosto sul serio.
Sì, senza dubbio. È da parecchio tempo ormai che cerco di uscire da questa scena, ma senza successo. È un brutto posto con un sacco di persone cattive e avide.

Cosa differenzia la tua attività dalle società cinesi?
I cinesi si occupano per lo più della distribuzione (muovendo i crediti tra i venditori che hanno bisogno di una riserva), della vendita e della pubblicità per i normali giocatori su siti come Gold4fun, oltre che a usare bot di massa. In pratica controllano gli aspetti principali di tutta l’industria.

Quanti bot ci saranno in un grosso impianto?
Le società cinesi che usano gli impianti di bot sono molto discrete, ma non è un segreto che quelle più grosse abbiano migliaia di bot che lavorano per loro 24 ore su 24, sette giorni su sette.

Ok. E cosa pensano i tuoi genitori della tua professione e del tuo guadagno?
All’inizio erano preoccupati e in parte lo sono ancora. Ma sono più o meno d’accordo. Capiscono quello che faccio e non sono contrari, quindi a me va bene.

Ti Piace questo Articolo?

mammt_banner