Retrorecensioni: Metal Slug

Share:
Metti mi piace alla nostra pagina!

Quando si nomina la SNK viene spontaneo pensare ai suoi picchiaduro, da King of Fighters a Fatal Fury a Samurai Showdown, tutti titoli associati ovviamente al mai troppo desiderato Neo Geo (sia Arcade che in versione casalinga). Ma probabilmente non tutti sanno che il vero ed autentico capolavoro della casa che ha dato i natali alla famiglia Bogard è uno sparatutto a scorrimento orizzontale, allo stesso tempo esilarante, dinamico e divertente: ecco a voi il primo episodio della serie di Metal Slug. Il suo esordio risale alla metà del 1996 quando comiciò a diventare un must-have per tutte le sale giochi del mondo. E poco tempo dopo, per la gioia dei videogiocatori casalinghi, venne convertito per Neo Geo e Neo Geo CD, suscitando le stesse sensazioni.  Per gli utenti più “moderni” è possibile rigiocare a questo splendido retrogame grazie a Virtua Console di Wii ed a Metal Slug Anthology, un’eccellente compilation disponibile per Playstation 2, Wii e PSP.



231511_full

GENERE: Sparatutto a scorrimento orizzontale, Platform
ANNO: 1996
CASA DI SVILUPPO: Nazca Corporation
PUBBLICATO DA: SNK
PIATTAFORMA: Arcade, Neo Geo, Neo Geo CD, Playstation, Playstation 2, Saturn, PC, Virtual Console, PSP
SUPPORTO: Cartuccia, CD-ROM
IL SUO SEGUITO E’: Metal Slug 2

orig_metal_slug

La guerra è il tema dominante di Metal Slug, argomento che viene trattato in stile altamente parodistico. Lo scenario è ambientato in un futuro datato 2028 dove un esercito terroristico ribelle tenta di conquistare l’intero pianeta. I soldati protagonisti che tentano di sventare la minaccia sono facenti parte dell’esercito regolare americano, attento nel reclutare i migliori elementi da tutto il mondo. Dettagli maggiori sulla storia non sono necessari per celebrare un retrogame che continua a stupire ancora oggi, episodio dopo episodio.

“Metal Slug non finisce di sorprendere e aggiunge ai già tanti pregi uno sviluppo tecnico praticamente perfetto in ogni dettaglio. L’azione scorre senza alcun rallentamento, nonostante il grande numero di pixel contemporanei.”

Giocare a Metal Slug, sia da solo che in modalità cooperativa con un amico, è un’esperienza unica da provare ad ogni costo. La giocabilità che offre è qualcosa di straordinario, immediata come poche altre. Sono necessari soltanto pochi minuti di gameplay per imparare ad addomesticare al meglio il soldato protagonista. Il suo armamentario spazia dal classico sparo “normale” illimitato fino ad arrivare alle devastanti bombe a mano: lo sparo può essere direzionato a 360°, regalando infinite opportunità di uccisione dei nemici. Ovviamente non mancano le armi bonus: mitragliatore pesante, lanciarazzi, lanciafiamme, fucile e bombe molotov. Oltre a queste, è possibile “impadronirsi” del Super Vehicle-001, carro armato dotato di un letale cannone a tripla canna, e di alcune torrette stazionarie coni dotazione un devastante mitragliatore circolare. E come se non bastasse, bisogna ancora parlare dei prigionieri sparsi per i livelli, che se liberati (con l’uso ravvicinato del coltello) possono regalare bonus e ad aumentare il punteggio finale.

metal_slug

Ma Metal Slug non finisce di sorprendere e aggiunge ai già tanti pregi uno sviluppo tecnico praticamente perfetto in ogni dettaglio. L’azione scorre senza alcun rallentamento, nonostante il grande numero di pixel contemporanei (sopratutto quelli delle esplosioni). Le animazioni dei buoni e dei cattivi sono ammirevoli ed i disegni sono votati alla pura comicità. I fondali sono dettagliati straordinariamente e gli effetti delle esplosioni sono degni del miglior cartone animato. Incredibile è la varietà dei nemici, boss inclusi, che spaziano tra granatieri, fucilieri, lanciatori di coltelli, carri armati, aeroplani ed elicotteri. Molti sono, inoltre, gli elementi distruttibili, i quali aiutano molte volte ad eliminare nemici altrimenti ben posizionati. Spostandosi sul sonoro, i motivi di ammirazione non decadono affatto: le musiche da guerra rischiano l’aggettivo “cinematografiche” e gli effetti sonori si integrano perfettamente nell’azione.

metal-slug

Azione che in Metal Slug dura (purtroppo) solo sei livelli, ma tutti da vivere in modo profondo ed adrenalinico. Ma un retrogame datato 1996 può essere davvero tutto questo? Può farsi rigiocare in maniera così entusiasmante dopo tutti questi anni? Beh, se non conoscete la risposta, fate una lunga partita a Metal Slug e poi capirete qual’è la risposta esatta.

Ti Piace questo Articolo?

mammt_banner