L’amicizia rafforza l’amore: secondo la scienza le relazioni migliori nascono tra persone che sono state amiche

Share:
Metti mi piace alla nostra pagina!

L’amicizia rafforza l’amore: secondo la scienza le relazioni migliori nascono tra persone che sono state amiche



163029e36f309e2bd19c7c1b54a757bcd33a72c1_m

Contrariamente all’opinione comune, l’amicizia platonica tra uomo e donna esiste ed è possibile: lo rivelano diverse ricerche psicologiche e sociologiche racchiuse nel libro “Il segreto delle coppie felici: amare te stesso, il tuo partner e la tua vita”. Ma non solo: secondo l’autrice del libro, che si è fatta supportare nella stesura da eminenti esperti nell’ambito delle relazioni uomo-donna, i rapporti più forti sono quelli che si sviluppano partendo da un’amicizia consolidata. Nel caso vi troviate in un rapporto di amicizia che sembra poter essere “qualcosa in più”, sappiate che fare un passo avanti e portare la vostra relazione al livello successivo potrebbe essere la migliore decisione della vita. Potreste aver paura di rovinare un rapporto felice, ma le relazioni migliori e più durature sono quelle che nascono dall’amicizia: stavolta a dirlo è la scienza, quindi c’è da fidarsi.

ce759f15ef3bc3a3044f979a76b5bcf680b671ee_m

Come racconta l’Elite Daily Kim Oliver, autrice del trattato sopracitato, ha parlato in un articolo pubblicato su Fox News Magazine dell’importanza dell’amicizia nei rapporti di coppia:

“Quando penso alle ragioni per cui le persone tradiscono, spesso sento parlare di cose come “Non mi supporta”. “Non vuole passare il suo tempo con me”. “Non mi capisce”. “Non mi ascolta davvero quando gli parlo”. “Non credo nemmeno di piacergli davvero”. “Si lamenta in continuazione”.

Tutte queste considerazioni non sono forse l’esatto opposto dei principi che animano l’amicizia?

Pensa a come ti comporti con i tuoi amici: Vi dite tutto (ci sono cose di cui tieni il tuo partner all’oscuro?), avete voglia di passare del tempo insieme (ci sono momenti in cui temi di passare del tempo col tuo compagno?), gli dai tempo, energie ed attenzioni senza chiedere nulla in cambio (fai la stessa cosa con la tua metà?)”

2886fb4bccb607e553162bb90b0344757809296b_m

Dovremmo dare alle persone che amiamo lo stesso tipo di supporto che daremmo ai nostri amici. Raramente li critichiamo o li stronchiamo in pubblico, e molto spesso gli dedichiamo il nostro tempo per prestargli ascolto e cercare di capirne la prospettiva, anche se pensiamo che siano dalla parte del torto. Dunque è semplicemente naturale pensare che una persona alla quale dedichiamo già tutte queste attenzioni debba essere il partner perfetto per una relazione. Ovviamente ciò non significa che tu non possa riservare questi atteggiamenti a chi ami senza che questi sia prima stato un tuo amico, ma di certo è più probabile che tu lo faccia se tra di voi c’è già un rapporto di amicizia i cui livelli di rispetto sono stati stabiliti prima che la passione entri in gioco. Come spiega lo psicologo Jeremy Nicholson su Psychology Today per rendere una relazione fruttuosa deve esserci un equilibrio tra il piacersi ed il desiderarsi, concetti differenti che riflettono i diversi aspetti dell’amicizia e della passione in una relazione. Il “piacersi” è collegato al preoccuparsi di assicurare all’altro bisogni e desideri venendo mossi solo da gentilezza e premura, mentre il fattore “desiderio” è riassumibile nel vecchio adagio “vuoi sempre ciò che non puoi avere”. Se in un rapporto uno dei due aspetti prevale sull’altro la coppia scoppierà, come scrive Nicholson:

“Essere aperti, congeniali e amichevoli rende una persona più “piacevole”, ma non più attraente o desiderabile come partner. Al contrario essere distaccati e difficili rende più “desiderabili”, ma non più piacevoli.

Soddisfare i bisogni o i desideri dell’altro aumenta quanto gli piaci e quanto sia amichevole nei tuoi confronti, ma può anche ridurre il suo desiderio di averti per sé. Invece non soddisfarlo lo induce a seguirti e desiderarti, cercando di colpirti, ma porterà eventualmente al disprezzo, all’insoddisfazione e all’animosità”.

1977457296_ed3ac93240_o

Deve quindi esserci un equilibrio tra le due cose: questo necessario bilanciamento tra il piacevole e il desiderabile potrebbe essere difficile da raggiungere se un’amicizia non è alla base del rapporto. Se alle spalle c’è rapporto amichevole in cui avete soddisfatto desideri e bisogni del partner solo per pura gentilezza e perché vi andava di farlo, farsi indietro per lasciare spazio al desiderio non è controproducente. L’amicizia è addirittura così importante che uno studio del 2012 pubblicato sul Journal of Social and Personal Relationships ha rivelato che le coppie più consolidate sono quelle che pongono l’amicizia in posizione preminente rispetto alla passione: i loro rapporti sia a livello personale che per quanto riguarda l’intesa sessuale sono migliori, sia nel breve che nel lungo periodo.

Ti Piace questo Articolo?

mammt_banner