Retrorecensioni: Dynamite Dux

Share:
Metti mi piace alla nostra pagina!

Gli anni ‘80 rappresentarono terreno fertile per le idee dei programmatori Sega e la categoria dei picchiaduro a scorrimento fu senza dubbio uno dei loro pezzi forti. Insieme a giganti del calibro di Altered Beast e Golden Axe, uscì fuori dal guscio un retrogame simpatico e divertente, dal chiaro stampo cartoon. Si tratta diDynamite Dux, un videogioco uscito in tutte le sale giochi nel 1988 e poi convertito per quasi tutte le console dell’epoca, tra cui il Master System, l’Amiga 500 e lo ZX Spectrum.



Dynamite_Dux_-_1988_-_Sega

GENERE: Picchiaduro a scorrimento
ANNO: 1988
CASA DI SVILUPPO: Sega
PUBBLICATO DA: Sega
PIATTAFORMA: Arcade, Master System, Amiga 500, Amstrad CPC, Atari ST, Commodore 64, ZX Spectrum
SUPPORTO: Cartuccia, Cassetta, Floppy Disk
IL SUO SEGUITO E’:  nessuno

dynamite_dux_by_pukeycat-d6fcf87

I protagonisti di Dynamite Dux sono due simpatiche papere di nome Bin e Pin, le quali hanno la missione di salvare la propria “padrona”, una ragazza di nome Lucy rapita dal malvagio di turno, lo stregone Achacha. Sebbene lo sviluppo storico di fondo rappresenti una “trama stereotipo”, la concezione visiva ed il gameplay riescono a regalare un prodotto non eccelso, ma sicuramente apprezzabile.

maxresdefault

“Dynamite Dux rappresenta una buona idea di Sega ed un bel tentativo di dare alla categoria dei picchiaduro a scorrimento idee fresche ed originali.”

DynamiteDuxMCM

Come già accennato, Dynamite Dux è un picchiaduro a scorrimento che però racchiude un elemento unico per i suoi colleghi dell’epoca: la possibilità di attaccare, oltre che orizzontalmente, anche in direzione diagonale. Un dettaglio in più che sorprende e che aiuta il fattore divertimento. Il gameplay è molto semplice e basilare: due tasti a disposizione, uno per saltare ed uno per sparare. Durante l’avanzamento negli stage saranno disponibili torte e panini per ripristinare la barra dell’energia, forzieri per aumentare il punteggio e super-armi più potenti. Le papere non hanno un’arma di base, ma possono sferrare pugni a destra e a manca: le armi reperibili passano dalle pietre al lanciafiamme, dal lanciarazzi ai missili a ricerca, per finire con un gigantesca pistola ad acqua. Proprio quest’ultima arma permette di ricordare uno dei punti più divertenti di Dynamite Dux: il primo boss, una fiamma gigante che viene fermata a colpi di spruzzi d’acqua. I videogiocatori anni ‘80 e ‘90 sputavano entusiasmo da ogni singolo poro.

Dynamite-Dux-capture3

La caratteristica che però cade di più all’occhio è senza dubbio la grafica. Un videogioco dai tratti puliti, ricco di colori, con animazioni essenziali ma efficaci e dotato di personaggi disegnati in stile cartone animato. Così anche i fondali dei sei stage disponibili, mai ripetitivi e ricchi di dettagli gioiosi. Il sonoro fa la sua parte, senza infamia e senza lode. Certo è che Dynamite Dux rappresenta una buona idea di Sega ed un bel tentativo di dare alla categoria dei picchiaduro a scorrimento idee fresche ed originali. Il retrogame in questione può essere tranquillamente rigiocato, soprattutto in due giocatori, dove il divertimento è assicurato.

Ti Piace questo Articolo?

mammt_banner