Perché mai gli alieni dovrebbero invadere la Terra?

Share:
Metti mi piace alla nostra pagina!

L’anno scorso, il fisico di fama mondiale Stephen Hawking, con alcune sue dichiarazioni rilasciate nel corso del programma di Discovery Channel “Into the Universe”, scatenò una vera e propria tempesta ritenendo che l’incontro con una civiltà aliena sarebbe molto più simile a quella descritta nel film “Indipendence Day” piuttosto che a quella di “ET: L’extraterrestre”: ”Dobbiamo solo guardare a noi stessi per vedere come potrebbe svilupparsi la vita intelligente in qualcosa che non vorremmo incontrare”, spiegò il fisico nel corso del programma. La preoccupazione di Hawking parte dal presupposto antropologico che una civiltà inferiore – noi, in questo caso – sarebbe completamente soggiogata da una superiore. Secondo lo scienziato, gli alieni potrebbero essere attratti dalle abbondanti risorse naturali del pianeta Terra e decidere di conquistarlo per sfruttarle a lor piacimento. Guardando alla storia terrestre, le cause della maggior parte dei conflitti dipendono proprio dalle risorse del territorio. Se un paese ha una risorsa che un altro paese vuole, questi potrebbe decidere di prendersela con l’uso della forza.



03-invasione-aliena-mars-attack.jpg

Noi abbiamo pensato cinque motivi per cui gli alieni, se non amichevoli, potrebbero essere almeno neutrali.

Alieni

1. Sfruttare le risorse minerarie della Terra

Ammesso che una civiltà aliena avesse bisogno di estrarre risorse minerarie per il suo fabbisogno energetico e industriale, perché dovrebbe scegliere di sfruttare proprio la Terra? Le stelle e i pianeti della nostra galassia, e di tutte le galassie dell’Universo, sono composti degli stessi elementi chimici.  E’ improbabile che una civiltà aliena capace di viaggiare nello spazio non riesca a trovare ciò di cui necessità nei miliardi di sistemi stellari che popolano l’universo. Non c’è nessun materiale così esotico sulla Terra che non possa essere trovato altrove. Eppoi, trasportare un carico tra le stelle è infinitamente più complesso e costoso che fabbricarselo a casa propria.

ufo_2677407a

2. Colonizzare la Terra

Un’altra paura su un’eventuale invasione aliena, sarebbe determinata dal fatto che gli extraterrestri vogliano prendersi il nostro pianeta e impiantare una loro colonia. Per fare questo dovrebbero innanzitutto cancellare completamente l’umanità, poi ripulire il casino che abbiamo prodotto con l’inquinamento e, infine, rielaborare completamente la biosfera per accogliere i coloni. Si tratta di un lavoro immane che richiederebbe risorse ingenti e un periodo estremamente lungo. Una civiltà in grado di fare questo, troverebbe molto più conveniente intraprendere un programma a lungo termine di terraforming su un pianeta del loro sistema stellare o, comunque, in uno più prossimo alla loro casa.

Alien UFO saucer

3. Utilizzare l’umanità come cibo

La serie fantascientifica “Visitors”, trasmessa negli anni ’80, raccontava di una razza aliena di rettiloidi venuta “in pace” sulla Terra, con l’unico scopo di utilizzare gli umani come cibo! Anche in questo caso, è difficile immagine che una civiltà aliena tecnologicamente in grado di affrontare il viaggio spaziale non sia stata capace di risolvere un problema basilare come quello del cibo, almeno per due ragioni. Primo, perché è molto probabile che abbiano sviluppato una biotecnologia che gli permetta di replicare artificialmente nutrimenti basati sul DNA. Secondo, è altrettanto probabile che  siano in possesso di una tecnologia simile a quella dei “replicatori” di Star Trek, grazie ai quali gli equipaggi delle navi stellari sono in grado di trasformare l’energia in cibi solidi commestibili.

v

4. Creare una razza ibrida umano-aliena

Questo è un pò il leit motiv che si trova alla base di numerosi racconti di “abduction”. Gli alieni vorrebbero “incrociarsi” con gli umani per creare una razza ibrida, mescolando i due patrimoni genetici, così da garantire la loro sopravvivenza. Ammesso che sia vero che gli alieni vogliano un campione di DNA, in base alle loro conoscenze biotecnologiche, non gli basterebbe un solo capello per estrarre, studiare e utilizzare il patrimonio genetico umano? Perché mai rapire continuamente delle persone? Inoltre, come afferma qualche astrobiologo, un’idea del genere ha come premessa il fatto che il patrimonio genetico degli alieni sia, in qualche modo, compatibile con quello degli umani. Sebbene una eventualità del genere non sia impossibile, risulta quanto meno improbabile. Secondo Seth Shostak, astronomo anziano del SETI Institute in Mountain View, “volersi incrociare con un alieno, sarebbe come volersi incrociare con una quercia!”.

MJ 2012 alien abduction

5. Prima direttiva!

Esseri abbastanza intelligenti da costruire astronavi interstellari, si muoverebbero solo motivati dalla conquista e la distruzione, o da una qualche convinzione “religiosa” che li incoraggerebbe a soggiogare interi pianeti e a conquistare galassie? O forse, non è più plausibile che una civiltà del genere abbia conseguito conoscenze sull’Universo e sulla vita, che la spingerebbe a rispettare una sorta di “Prima Direttiva”, secondo la quale eserciterebbero una rigida politica di non intervento, rispettando i tempi evolutivi di ogni singola civiltà dell’universo? In fin dei conti, siamo noi quelli che conquistano, sfruttano, impoveriscono e guerreggiano. Forse siamo noi la vera minaccia per l’Universo, almeno fino ad oggi. Siamo sicuri che gli alieni vogliano entrare in contatto con una civiltà violenta e ingiusta come la nostra? Probabilmente, proprio per questo motivo non li abbiamo ancora incontrati. Tutto sommato, potrebbero ritenerci “vita non intelligente” con la quale non vale la pena compromettersi…

Ti Piace questo Articolo?

mammt_banner