Non solo ”lei”, ecco come raggiungere il piacere con il seno…

Share:
Metti mi piace alla nostra pagina!

Se pensi che il massimo piacere durante un rapporto si raggiunga solo ed esclusivamente per la solita strada, ti sbagli di grosso. Esiste anche l’orgasmo del seno. Tieniti forte, questa notizia potrebbe aprirti orizzonti di piaceri ancora a te sconosciuti… 

Fonte:caffeinamagazine.it

boobs-handy-jiggly-boobs-sexy-tits-Favim.com-446183

Il seno è una zona erogena fondamentale nella donna, Alain Héril, psicanalista e sessuologo, spiega come è possibile toccare il cielo con un dito, solo stimolando le mammelle. “Da un punto di vista anatomico il capezzolo è un organo erettile come il clitoride e nella donna è una delle principali zone erogene” ricorda Alain Héril. Da cosa dipende. Quando l’eccitazione sale, i capezzoli si induriscono e si ingrossano, e anche le vene che li circondano possono gonfiarsi. Anche i seni, di conseguenza, aumentano di volume. La suzione del seno, ricordando il gesto del neonato, causa da un lato la produzione di ossitocina, cioè l’ormone dell’amore, e dall’altro quella di prolattina. Entrambi gli ormoni contribuiranno a farti raggiungere il nirvana. Gli studi parlano chiaro: i ricercatori hanno evidenziato che la stimolazione del seno attiva la corteccia sensoriale genitale, la stessa zona del cervello sollecitata durante la stimolazione del clitoride, della vagina e del collo dell’utero. Sembra che per il cervello l’informazione venga elaborata nello stesso modo…

ffdbb3d1d83d248de2877474b3037588e6936839_m

Ogni donna ha la sua sensibilità. “Durante la visita le donne riferiscono spesso di sensazioni orgasmiche, ovvero di una grande intensità. Ma poche testimoniano di aver provato un orgasmo, caratterizzato da spasmi della vagina” precisa Alain Héril: le sensazioni sono ovviamente diverse da una donna all’altra. La sensibilità dipende per la maggior parte dalle oscillazioni ormonali, dal ciclo mestruale e dal tipo di stimolazione. Accarezzare i capezzoli con le mani può produrre una reale eccitazione, ma nella maggior parte dei casi è la suzione a scatenare un intenso piacere. Al contrario, altre donne, non sentono nulla. Colpa del partner? No. In questi casi incide molto anche il rapporto che ogni donna ha con il proprio seno. Chi ha complessi che riguardano il proprio decollete, difficilmente può godere di questo tipo di piacere. Tuttavia il problema si può risolvere facendo pace con il proprio cervello, i propri complessi e lasciandosi andare. Un ottimo sistema per sperimentare questa forma di piacere ancora poco conosciuta è attraverso l’autoerotismo: toccandosi, ogni donna può scoprire di più del proprio corpo e del proprio piacere…

Ti Piace questo Articolo?