Ho guardato Colpo Grosso nel 2016 e ora sono molto triste

Share:
Metti mi piace alla nostra pagina!

Ieri ho guardato una puntata di Colpo Grosso in replica su Mediaset Extra. Ma forse la retromania fa più male che bene…

Era una cosa che volevo fare già da qualche tempo, da quando ho visto le repliche su Mediaset Extra per capire in maniera approfondita la società degli anni ’80/’90, quella che oggi appare come unico riferimento storico di tutti, anche dei millennials che in realtà non sanno di cosa stanno parlando.



Le ragazze nel video appaiono felici, giocano con elettrodomestici mentre sono vestite in modo discinto e alcune di esse hanno le tette di fuori, quindi un po’ ti ci fanno credere che il momento storico non è male. Ricordiamo ai gentili telespettatori che le notti magiche italiane finiranno esattamente l’8 luglio del 1990, quando la Germania Ovest vince il Mondiale in casa nostra e proietta la sua ombra algida sul nostro ridente paese.

linda lorenzi

La prima ad apparire in video è la valletta Linda Lorenzi, una meteora dello spettacolo che ricordiamo per la voce nasale, per essere stata la spalla di Corrado in Il pranzo è servito e successivamente per aver tradito l’audience composta da nonne e mamme dopo aver mostrato le bocce a Colpo Grosso.

Ma il personaggio che fremo per incontrare di nuovo è il re dei viveur, il signore della decadenza,  il baffo della malizia: Umberto Smaila. Lui è l’incontrastato imperatore del party, il vero ladies man italiano, quello che faceva in pubblico le cose che Silvio faceva in privato, il Signore degli Anelli sì, ma di cipolla.

umberto smaila

Di lui, da piccolo, sapevo che era stato nei Gatti di Vicolo Miracoli con Jerry Calà e altri due e poi che era la persona più fortunata sulla terra. Va specificato che nonostante la trasmissione andasse in onda su Italia 7, per via degli strip tease, era in realtà prodotta da Fininvest, ed è subito rimpatriata.

Insomma, l’Umbertone di 30/50 kg fa, inizia la trasmissione, dal suo studio/casinò. Arrivano i concorrenti, nello specifico Ornella e Luca. Ornella reca una rara pettinatura carpiata Avalon con frangia liscia e capello mosso, e pure una cagnolino da borsetta di nome Sharon. Anche da questo punto di vista, profetessa del  paris-hiltonismo di 20 anni più tardi.

umberto smaila con silvio berlusconi

Luca invece è un giornalista di Milano, appassionato di danze rinascimentali, che non perde occasione di provare in studio con l’affaticato Umberto. Dopo questo siparietto da Oscar moldavo, finalmente la presentazione delle Ragazze Cin Cin, quelle che da piccolo mi facevano battere forte il cuore mediante la visione del corpo nudo.

Una pratica che avveniva in due modi soli e il secondo era quello di fingersi già grande di fronte all’edicolante sadico come un gerarca nazista, fare la voce alla Tom Waits e chiedere Blitz o Le Ore, sperando che l’aguzzino approvasse, invece di farci fare la figura di merda davanti agli scandalizzati astanti. Insomma, alla fine Colpo Grosso era meno pericoloso.

I due concorrenti scelgono due ragazze e loro mostrano le minne, chi ha la stella sul capezzolo vince. Intanto appaiono anche la croupier del casinò, una maggiorata abruzzese e Monique, la mia preferita, una biondina con una capigliatura dall’apertura alare dell’albatros urlatore che in quella stagione benedetta mi faceva volare verso la perdita dell’innocenza.

Lei faceva parte delle hostess sexy che si spogliavano quando i concorrenti facevano qualche cazzata. Qualche nome? Sirenetta per la Danimarca, Besame Mucho per la penisola iberica e Supersonica per le isole britanniche. Inizia la gara ed è come in un vero casinò, mutuato da una mattinata di scuola elementare.

Qualche domanda di geografia alla quale i concorrenti non sanno rispondere e si perdono i soldi. Sapete come si chiamano i soldi con cui  giocano? Euro Fiches. Una trasmissione che già alla fine degli eighties sapeva come le banche europee avrebbero giocato coi nostri risparmi.

Finalmente uno dei concorrenti fa una cazzata e quindi si toglie qualche indumento, ballando su una musica latino americana da orticaria mortale. L’Ornella rimane in reggiseno e il mio io di allora ha un sussulto, subito tenuto a bada dal suo corrispettivo odierno, sempre più a disagio.

La vittoria di un concorrente comporta lo strip di una delle hostess. Più uno vince, più capi toglie. E inizia lo spogliarello, il vero highlight della trasmissione.

Le ragazze mostrano i seni, ma il nostro reale obiettivo era quello della visione del Santo Graal, quello che noi adolescenti immaginavamo come un’isola dalla forma d’Africa, nera e rigogliosa come la savana. Vi ricordo che ai tempi, anche l’acconciatura vaginale cotonata era oggetto di libidine.

Insomma, una volta sommariamente spogliate le ragazze, c’è una seconda manche e lo strip tease del concorrente Luca, ma dal momento che è in streaming, lo passo volentieri. Altro momento topico della serata, quello che noi da ragazzini odiavamo sopra ogni cosa, perché toglieva il pathos, è l’esibizione musicale obbligatoria di Umbertone Smaila, che una volta collocatosi al piano, suona un pezzo che tutt’oggi non conosco, con la band tipo quella che t’immagini in una crociera presa al discount.

Alla fine, uno dei due concorrenti vince (ma non vi dico chi, non vorrei incorrere nello spoiler), mentre ormai sono entrambi seminudi sotto una vestaglia. Le hostess hanno mostrato le tette ma niente Sacro Graal e, dopo i saluti finali, le Ragazze Cin Cin finalmente intonano la loro hit, che mi canto in testa manco fossi a una festa di Mucca Assassina, poi resta il nulla, quello in cui guardi lo schermo e t’interroghi su cos’hai appena visto.

Un riassunto preciso ed esaustivo degli anni ’80, in cui apparire e fare soldi erano l’obiettivo finale della vita, che ha appagato il mio io adolescente, ma che ha gettato nello sconforto più brutale il suo corrispettivo adulto. Mi mancano e insieme mi fanno cagare. Forse la retromania fa più male che bene.

Cin cin.

Fonte testi e immagini: dailybest.it

Ti Piace questo Articolo?

mammt_banner