Nintendo Switch: la console amica

Share:
Metti mi piace alla nostra pagina!

Una piattaforma universale che punta ad accompagnarti in ogni momento della giornata.

1479223814_Nintendo-Switch-



Nintendo ha trovato l’interruttore con cui scuotere il mondo gaming. Ma ha deciso di farlo in una maniera totalmente innovativa: se Sony e Microsoft hanno intrapreso il percorso che porterà le loro console a trasformarsi in veri e propri computer, i giapponesi si sono buttati di peso sul treno mobile – sì, proprio quello che hanno snobbato fino a quando Super Mario Run non è sbarcato su iPhone e iPad – rinunciando ad un pizzico di potenza per godere della massima flessibilità possibile. Il nuovo ibrido è essenzialmente un grosso tablet da 6,2 pollici che può essere utilizzato in diversi modi, a seconda di gusti e necessità: puoi agganciarlo alla sua base per inviare il segnale video alla tv di casa, e far finta che sia una console tradizionale. Oppure puoi sganciarlo e attaccarci i due controller Joy-Con ai lati per trasformarlo in una console portatile, in modo tale da cominciare le partite in salotto e terminarle in metropolitana.

Giocando con lo Switch si respira un po’ tutta la storia del brand giapponese: c’è molta Wii – l’originale – con i motion controller dotati di giroscopio e sensori che possono essere usati per giocare da soli o con un amico, un po’ di Game Boy quando si trasforma in una console portatile e l’anima della vecchia NES, per quanto riguarda la componente di home entertainment. Dal punto di vista del design, lo Switch è più bello di qualsiasi altra console in circolazione: è compatto, colorato e può far figura in qualsiasi salotto.

Nintendo-Switch-Shot-02

La prima impressione a caldo è che bisogna superare il vecchio concetto di console per giudicarlo: se partiamo dal presupposto che debba lottare in termini di qualità e potenza con PS4 e Xbox One, probabilmente ne rimarremmo delusi; ma se ci concentriamo più sull’idea che si tratti di una piattaforma universale che ci permetta di giocare ai nostri videogiochi preferiti, in qualsiasi momento e dappertutto, probabilmente capiamo meglio le intenzioni del device. Più che a un competitor diretto di Sony e Microsoft, dovremo pensare ad un iPad strutturato per il gaming, con una porta HDMI per collegarlo alla televisione. L’obiettivo di Nintendo è chiaro: offrirti un compagno di giochi, sempre a tua disposizione. Con una prerogativa in più: spronarti a uscire di casa per non rintanarti in infinite partite in multiplayer online, ma tornando indietro di 20 anni e ritrovarti con gli amici a giocare faccia a faccia.

Ti Piace questo Articolo?

mammt_banner