Stephen Hawking: Gli alieni esistono e sono pericolosi

Share:
Metti mi piace alla nostra pagina!

Gli alieni esistono e sono pericolosi. Questo è quanto affermato dal celebre astrofisico Stephen Hawking.

intro



In un universo con cento miliardi di galassie, ciascuna contenente centinaia di milioni di stelle, è improbabile che la Terra sia l’unico luogo dove si sia evoluta la vita. È ciò che sostiene Stephen Hawking, 68 anni, matematico e fisico con un quoziente intellettivo di 160, fino all’anno scorso titolare a Cambridge della cattedra lucasiana di Matematica e Fisica, carica ricoperta anche da Isaac Newton. Non soltanto è sicuro che gli alieni esistano, ma è anche convinto che dovremmo smetterla di cercare di metterci in contatto con loro perché questo potrebbe significare esporre la civiltà umana ad un grave pericolo. «Più invecchio, più mi convinco che non siamo soli. Dopo una vita di domande, do il mio contributo ad un progetto globale per trovare finalmente una risposta», così esordisce l’astrofisico, «Il progett Breakthrough Listen passerà in rassegna milioni di stelle più vicine in cerca di segnali di vita, ma so che c’è un posto in cui possiamo iniziare a guardare. Un giorno forse riceveremo un segnale da un pianeta come Gliese 832c (distante 16 anni luce dalla Terra, descritto da molti come l’esopianeta noto più vicino potenzialmente abitabile), ma dobbiamo stare attenti a rispondere». Hawking è comunque scettico sulle possibilità che ha l’uomo di mettersi in contatto con gli alieni, sostenendo che hanno un’intelligenza molto più sviluppata della nostra, ma avverte di non rischiare troppo perché le conseguenze potrebbero essere devastanti: «Potrebbero considerarci alla stregua di come noi consideriamo i batteri oggi».

Leggi anche: Qualcuno è ancora vicino a te. Ecco i segnali per avvertire la sua presenza

Ti Piace questo Articolo?