Lezioni di dirty talk

Share:
Metti mi piace alla nostra pagina!

Non avete mai detto parolacce durante il sesso? A molti piace farlo: il dirty talk ormai è considerato sexy.

dirty talk



In fatto di sesso i gusti, si sa, sono vari così come le abitudini: c’è chi ama rimanere in silenzio, chi preferisce urlare e farsi sentire e chi dire le parolacce. Il “dirty talk“, in gergo sessuale, è l’arte di parlare sporco a letto utilizzando con maestria un registro spinto, fatto di volgarità esplicite ed epiteti poco eleganti.

Gioco erotico che abbatte freni inibitori

È un gioco erotico che abbatte ogni freno inibitorio del linguaggio e rincalza l’eccitazione degli amanti. Il termine “dirty”, letteralmente “sporco”, non deve affatto trarre in inganno, perché non si tratta qui di turpiloquio né di volgarità puri e semplici o fini a sé stessi. Piuttosto, ci riferiamo a certi termini hot, ad espressioni piccanti che danno un volto alle emozioni e alle sensazioni.

I tabù, durante il sesso, andrebbero sempre eliminati e bisognerebbe aprire la mente a tutto, così come non ci si dovrebbe vergognare di parlare in un certo modo al proprio partner. Le nostre fantasie sessuali di certo non rispecchiano ciò che siamo nella vita quotidiana. Il dirty talk poggia sulla forma: non conta tanto quello che si dice ma il modo e il tono con cui si esplicita la durezza delle parole.

Altra importantissima discriminante è il tempismo: se inizi con il turpiloquio ancor prima di aver capito se il partner è ben disposto ad accettare un lessico sboccato, rischi di passare per l’erotomane di turno cresciuto a pane e porno; il dirty talk presuppone un grande affiatamento tra i partner, un accordato senso del ritmo.

Dirty talk per svelare il vostro lato oscuro

Parlare sporco diventa un’opportunità per svelare i nostri lati oscuri e provare cose che normalmente non faremmo. Se utilizzerete il dirty talk nel modo giusto, i vostri partner tireranno fuori il loro lato sessualmente pazzo ed il loro piacere andrà a mille. La realtà però spesso è un’altra: la maggior parte di noi fatica a distinguere una frase eccitante da un dialogo da film porno.

Ci sono tre tipi di partner a letto: il narratore, il direttore e il sottomesso. Il narratore spiega cosa sta accadendo durante la performance. Il direttore, invece, dice chiaramente cosa vuole. Il sottomesso, poi, lascia che sia il partner a prendere il controllo della situazione. Usare un linguaggio sporco durante il sesso aiuta a stabilire i ruoli che i due amanti assumono e a capire meglio cosa si desidera.

Qualche semplice frase come: “Oh, sì, è fantastico”, oppure: “Ah, mi fai impazzire!”, possono bastare a far salire la temperatura. Impersonare un ruolo può aiutarti a sperimentare quelle frasi piccanti che non avresti mai immaginato di dire. Non sai come entrare nella parte? Trova la colonna sonora giusta e lasciati andare.

Fai fatica a trovare le parole? Prova a dire al tuo partner quelle cose piccanti e un po’ “(s)porche” che vorresti che lui ti facesse. Ascoltare invece quello che il partner vuole fare rappresenta un elemento chiave per l’eccitazione e per intensificare l’esperienza del rapporto. Le espressioni volgari non ti fanno impazzire? Capita, ma prova a dirne qualcuna, magari mentre gli regali un po’ di sesso orale.

Credete in quello che state dicendo

La parola verrà da sé o sembrerà naturale solo se mossa da entusiasmo, devi credere in quello che stai facendo e dicendo. Frasi come “ora leccami” o “tocca qui, mi fa impazzire” o “sì, così, continua in quel punto, più veloce, sei bravissimo” sono l’abc del dirty talk e hanno il duplice effetto di eccitare e di rinvigorire l’ego.

Non solo. La comunicazione, sia essa non-verbale o verbale come in questo caso, aumenta l’intesa sessuale. Non bruciare le tappe, però. Sarebbe strano vederti straripare di parole dopo mesi o addirittura anni di religioso silenzio. Comincia dal respiro, butta fuori l’aria, apri la bocca, gioca con le labbra e ansima sul suo orecchio e sul collo. Piano piano aggiungi una parolina, tipo “sì, così” o “che bello”, fino ad arrivare a complimenti come “mi fai godere” o ad inviti come “più forte”, “girami”.

Ora vi sembrerà strano, ma frasi molto hard ed esplicite diventeranno presto le vostre formule magiche. Lasciatevi andare: dire le parolacce a letto vi farà sentire liberi di esprimere la vostra sessualità, di soddisfare i vostri desideri e di sentirvi bene con voi stessi.

Ti Piace questo Articolo?

mammt_banner