Nipple play: guida all’uso dei capezzoli

Share:
Metti mi piace alla nostra pagina!

Baci o carezze sui capezzoli attivano l’ipofisi e quindi il rilascio di ossitocina, ormone del piacere.

anistonjennifer



I capezzoli femminili sono ora stati promossi a zona erogena al pari dei genitali da un nuovo studio. I capezzoli sono una zona erogena troppo spesso dimenticata perché la nostra cultura del sesso è incentrata sui genitali. Uno studio condotto ha confermato che la stimolazione dei capezzoli durante i rapporti sessuali aumenta lo stato di eccitazione, consentendo di raggiungere l’orgasmo più rapidamente e con più facilità. La spiegazione è semplice: quando i capezzoli sono sollecitati, l’ipofisi, che è una ghiandola situata al centro della testa, riceve l’ordine di rilasciare ossitocina che amplifica le sensazioni legate al contatto con il corpo del partner e favorisce la comparsa delle contrazioni che caratterizzano l’orgasmo femminile. Anche per l’uomo può essere piacevole sentirsi stimolato sui capezzoli. La sensibilità del capezzolo maschile non è però accentuata come quella dei capezzoli femminili.

Il nipple play è un riflesso neurologico a cui alcune donne sembrano essere inclini, per alcune donne, il capezzolo è eccitante quanto un gomito. Semplicemente non fa per loro, in alcune persone i capezzoli sono troppo sensibili, al punto da sentire dolore anche dopo un contatto minimo. Nel nipple play i capezzoli vanno trattati come “un clitoride o dei testicoli sensibili,” perciò il lubrificante può essere indicato per la pratica erotica. La stimolazione del capezzolo può essere fatta in più modi: manualmente, oralmente con la lingua e denti, succhiando con le labbra o usando sex toys come le mollette stringicapezzoli. Inoltre, il capezzolo può anche essere sensibile alle vibrazioni dei giochi per adulti. Non ci sono regole precise, né per le donne né per gli uomini. Basta sperimentare e capire quale sia la modalità più piacevole per ognuno. Ecco alcuni dei movimenti che danno piacere, se applicati ai capezzoli:

  • Massaggi lenti e circolari con i polpastrelli sulle areole e i capezzoli.
  • Fare su e giù con il palmo della mano, dai polpastrelli al polso.
  • Usa i polpastrelli per fare dei cerchietti sui capezzoli, a cui unire dei piccoli pizzichi.
  • Massaggiare tutto il seno/pettorale con il capezzolo al centro della V che formerete con la vostra mano. Ogni volta che si alza la mano, strizzare dolcemente il capezzolo nella V.
Ti Piace questo Articolo?

mammt_banner