Pompe funebri: si può morire per un rapporto orale?

Share:
Metti mi piace alla nostra pagina!

Morire per un rapporto orale? Lo ha sostenuto Robert Simpson-Scott dopo aver ucciso la moglie Sally Cavender a suo dire a causa di un rapporto orale troppointenso”. Ma le cose sono andate diversamente.

L’uomo, un 44enne di Cambourne, nel Cambridgeshire, è infatti stato riconosciuto colpevole di omicidio di primo grado dopo che l’autopsia sul cadavere dell donna, anche lei di 44 anni, ha evidenziato come avesse subito la frattura della colonna vertebrale, lesioni costali multiple e una lesione cerebrale che le avrebbe impedito di respirare autonomamente.



Non si sarebbe dunque trattato di un rapporto orale troppo “focoso consumato da parte della coppia di scambisti. Ai servizi di emergenza Robert aveva inizialmente detto che la moglie era “caduta in stato di incoscienza” ed era “diventata poco collaborativa”, per poi ammettere che era “morta, se n’è andata, l’ho uccisa”.

In realtà la donna era ancora viva quando i paramedici l’hanno trasportata all’ospedale Addenbrookes di Cambridge in gravi condizioni.

La tesi della morte per rapporto orale non regge

sally-cavender

La donna non è però riuscita a riprendersi e i medici hanno subito informato la polizia, sospettando un caso di strangolamento.

Quando la polizia si è presentata a casa per arrestarlo Robert ha sostenuto inizialmente che le ferite fossero dovute ad un bicchiere rotto calpestato dalla moglie che sarebbe poi caduta dalle scale di casa, per poi sostenere la tesi del “rapporto troppo focoso”.

Ma dopo che l’accusa è stata modificata in omicidio l’uomo ha ammesso che anche se in 15 anni di relazione non c’erano mai state violenze nella coppia, entrambi soffrivano di alcolismo. Per il procuratore Emma Pitts il 44enne uxoricida avrebbe invece approfittato dell’eccessiva fiducia accordatagli dalla moglie, arrivando a toglierle la vita.

L’uxoricida condannato all’ergastolo

robert-simpson-scott

Lo stesso Robert ha poi ammesso le proprie accuse di fronte alla Cambridge Crown Court che l’ha condannato all’ergastolo (la detenzione non potrà in alcun caso essere inferiore a 18 anni), da scontarsi nel carcere di Old Bailey.

Dopo la sentenza i familiari di Sally hanno ricordato come la donna fosse una “persona brillante e frizzantee hanno descritto Simpson-Scott come un “uomo malvagio e manipolatore” che “controllava [la moglie, ndr] per il proprio tornaconto”.

Ti Piace questo Articolo?

mammt_banner